2 Ottobre 2022

Conferenza della Domenica

 

FACCIATE SGRAFFITE A FIRENZE
“Hanno i pittori un’altra specie di pittura…..
e questo si domanda SGRAFFITO” (G.V.)

bartoli

Emma Mandelli - Università degli Studi di Firenze – Presidente della Accademia casentinese

Già Professore Ordinario di Rilievo dell’Architettura, della Università degli Studi di Firenze oltre alla attività di docenza e alla partecipazione ai numerosi concorsi e una estesa attività di responsabilità e coordinamento, si è occupata a livello internazionale: dei problemi della analisi, documentazione e salvaguardia dell’architettura storica, nonché delle possibili rappresentazioni con l’uso dei sistemi e dei mezzi attuali.
Ha al suo attivo più di 100 pubblicazioni scientifiche numerose campagne di rilevazione, ricerche scientifiche e progetti europei.
E’ Membro onorario UID (unione italiana disegno), Membro Icomos Italia (consiglio internazionale per i monumenti e siti), Esperto internazionale Fondazione Romualdo Del Bianco- Life Beyond Tourism.

Conferenza
Il rapporto figura-sfondo ha negli edifici “fioriti” rinascimentali un valore determinante al pari dei legami esistenti tra pieno e vuoto che permettono la lettura delle figurazioni rappresentate. La scelta e i rapporti di misura e geometria dei piani sui quali si staccano le cornici (modanature, marcapiani ecc) sono fortemente caratterizzati e percettivamente visibili in relazione alle colorazioni del fondo adottate. Nella odierna conferenza si prenderà in esame la antica arte dei fondi impreziositi dai disegni graffiti. Disegni murali che il Vasari ci descrive accuratamente e che avrebbero bisogno di una attenzione maggiore per una conoscenza integrata della loro creazione tecnica e artistica e del loro importante rapporto con la architettura che li esibisce.

 

Free Joomla! templates by Engine Templates

We use cookies to improve our website and your experience. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our Privacy Policy.

I accept cookies from this site